News

14/05/2016 10:19:22

14/05/2016 10:42:37
iconasmall.jpg

Esperienza di Dio attraverso i sensi
 
Lettura di icone e meditazioni con sr.Mirella Muià

27-29 Maggio
"Colui che abbiamo veduto e ascoltato, lo annunziamo a voi..."
mirellaiconeok.pdf
 

21/04/2016 18:28:31
miser (2).png

il nome di Dio è misericordia

incontro con
Paolo Curtaz
20 Maggio 2016 ore 21,15

presso il Mulino
curtaz.pdf 

12/05/2016 14:05:54
ezechiele.png

    Ezechiele:
    voce di Dio in mezzo agli esiliati

    «Sapranno almeno che un profeta si trova in mezzo a loro»

    una proposta formativa per tutti
    dal 3 Luglio sera all'8 Luglio a pranzo
    guida sr. Ombretta Pettigiani FMGB 
    ezechiele2016.pdf
     

23/05/2016 16:25:40
santignazio.png

Associazione Sant'Ignazio
Pubblichiamo la newsletter dell'Associazione Sant'Ignazio di Firenze con le attività passate e future.
Buona lettura Foglio_di_collegamento_33.pdf

23/12/2014 16:10:39
cinquepermillee.jpg

Dammi un cinque - Puoi sostenerci con un semplice gesto... che non costa nulla!
Basta la tua firma e scrivere il numero 90024030489
nell'apposito spazio del modello CUD, 730 o UNICO e lo Stato destinerà il 5 per mille dell'Irpef alla Associazione il Mulino Onlus. Grazie per l'aiuto che ci darai. Per saperne di più guarda il volantino: 5Xmille.pdf

noi11.jpg
La comunità nel 2011

CHI SIAMO

Siamo una comunità di persone che vivono insieme da oltre 30 anni: 5 famiglie, adulti, giovani e ragazzi, bambini. Da qualche mese si è unita una nuova famiglia. Ora in tutto siamo in 29.

LO STILE

Cerchiamo di vivere nella sobrietà, accontentandoci dell'essenziale, condividendo e mettendo in comune tempo e risorse.

IL NOME

Perché il Mulino? Il primo motivo, legato alle origini storiche, è perché la nostra casa prima del nostro arrivo (molto prima) era un vero mulino. Nei ricordi di tante persone del paese questo era il luogo dove spesso si veniva col carretto tirato dal mulo per poi ripartire con un carico di sacchi di farina; ancora oggi per molte persone di Vicchio (quelle un po' meno giovani) siamo ancora indicati come i ragazzi del mulino.
C'è anche un altro motivo per cui ci è piaciuto conservare questo nome, più legato a ciò che nella tradizione culturale di un territorio esso rappresenta. Come al mulino arrivano da più parti tanti semi diversi per diventare un'unica farina, che verrà poi lavorata ed utilizzata in vari modi, così vorremmo che la nostra casa sia bottega artigianale aperta di unità, sia luogo di incontro per tanti dove costruire relazioni interpersonali, amicizia e fraternità.

LA SCELTA

La nostra scelta di vita trae origine all'inizio degli anni '80 da comuni esperienze parrocchiali, quando un gruppo di ragazzi e ragazze fu raccolto da Giusto, il nostro educatore, che ci ha condotti ed accompagnati verso una vita di condivisione, fino alla sua morte avvenuta nel 2005. La fede in Gesù Cristo è l'elemento centrale di tutta la nostra esperienza.
Insieme abbiamo acquistato e ricostruito la casa e l'ambiente in cui viviamo tutti insieme, come una unica grande famiglia. Sono in comune la zona giorno con cucina, sala da pranzo, dispensa e lavanderia. Condividiamo, infatti, colazioni, pranzi, cene, così come la maggior parte dei momenti della vita giornaliera. La zona notte è divisa con spazi per ciascun nucleo.

Bimbi

L'ACCOGLIENZA

Da oltre 15 anni accogliamo bambini in affidamento familiare: complessivamente ne sono stati accolti 7 e si sono rivelati affidi lunghissimi. Attualmente ne sono presenti 4.
È iniziata anche l'accoglienza di extracomunitari in momentanea difficoltà.
Recentemente abbiamo intrapreso un cammino di approfondimento e apertura, ospitando persone e gruppi interessati a conoscerci, cercando di offrire una testimonianza semplice di vita vissuta.

COMUNITÀ SORELLE

Sono anche iniziati i rapporti con altre comunità riconducibili a scelte simili:

Ci siamo accorti dell'importanza che riveste la possibilità di camminare vicini ad altre realtà comunitarie che pongono al centro della loro vita la condivisione e l'accoglienza nel nome del Signore Gesù.
L'incontro e la scoperta di analogie e diversità che provengono dalla storia di ciascuno, sono occasione di profonda gioia. Conoscere impegni, sforzi, tensioni, successi, di altre persone che come noi hanno fondato la loro esistenza nel "vivere insieme", consola e stimola!
Da questo il desiderio comune di intensificare la conoscenza e l'incontro. Tutto ciò deve naturalmente fare i conti con gli impegni di ciascuno e quindi occorre pazienza e lungimiranza. L'importante è avviare un cammino che faccia gustare il piacere di mettere in comunione se stessi.
Sono già iniziate alcune microiniziative che portano qualche famiglia o alcuni componenti a passare qualche giorno presso le altre Comunità... mescolandoci ci arricchiamo dell'altro.
A settembre 2007 abbiamo fatto un incontro  in cui le tre Comunità e Padre Paolo, per la prima volta, hanno trascorso quattro giorni ASSIEME in semplicità e armonia. Nel 2010 contiamo di ripetere l'esperienza particolarmente significativa.